Ti trovi qui:Home»Blog»In Esclusiva per Un quadrato di giardino»Crescita rapida e autodifesa dai parassiti: uno studio dimostra come queste due caratteristiche non possano coesistere in una pianta

Crescita rapida e autodifesa dai parassiti: uno studio dimostra come queste due caratteristiche non possano coesistere in una pianta

Vota questo articolo
(0 Voti)
Euforbia Euforbia Foto © K. George Beck & James Sebastian

Ogni giorno di verifica una guerra nei nostri giardini - piante contro insetti che si nutrono di piante contro insetti insettivori.

 Una ricerca dell'ecologista ricercatore americano Kailen Mooney suggerisce l'esito - di interesse anche per gli agricoltori oltre che per noi curiosi giardinieri del giardino che ci appassiona-: è una situazione di stallo.

Mooney e colleghi hanno studiato 16 specie di euforbia, un gruppo di piante fiorite che amo molto, trovate in tutto l'emisfero occidentale.

Gli scienziati hanno cercato di determinare la relazione tra la crescita delle piante, il come le piante si difendono dagli erbivori (con spine e  tossine -l'euphorbie secernono un lattice tossico-, per esempio) e il fatto che le piante ricevono protezione dai predatori come le coccinelle che si nutrono di insetti mangiatori di piante. Gli erbivori - in questo caso, afidi - danneggiano le piante; le coccinelle possono fungere da guardie del corpo, aiutando le piante mangiando gli afidi.

I ricercatori si sono chiesti: le piante possono avere tutto? Possono crescere in modo rapido e difendersi dagli erbivori, mentre allo stesso tempo, sollecitano la protezione da coccinelle e altre guardie del corpo?

La risposta è no.

Le specie di euforbia che crescono velocemente (una caratteristica desiderabile) sono più vulnerabili agli insetti che si nutrono di loro (una caratteristica indesiderabile), rendendo quelle piante più dipendenti dai predatori, per la loro sopravvivenza. In altre parole, si può essere duri da mangiare, cioè una pianta a crescita lenta che non ha bisogno di guardie del corpo, o una gustosa pizza, cioè una pianta di rapida crescita che si basa sulla protezione esterna.

La scoperta potrebbe essere importante per gli agricoltori che cercano di sviluppare piante a prova di erbivoro, e colture a rapido accrescimento, e infine migliora la nostra comprensione di come funziona il mondo naturale.

Siamo in grado di allevare piante per una crescita veloce, ma se lo facciamo, sembra che stiamo indebolendo l'immunità delle piante contro gli erbivori, rendendole più dipendenti da protezione dai predatori potenzialmente inaffidabile.

Gli agricoltori non possono fare molto.

"Il genere Euphorbia si è evoluto per ben 20 milioni di anni. La selezione naturale favorisce le piante che crescono in fretta e anche quelle che facilmente combattono gli insetti," dice Mooney. "Se la natura non ha trovato un modo per combinare entrambi, forse è qualcosa che non può essere fatto dall'uomo.

Euphorbia milii, spina di Cristo - Foto © mauroguanandi

La natura ancora una volta «Conosce tutti i più grandi segreti e sorride» (Victor Hugo), aggiungo.

Letto 5869 volte
Amministratrice

Un quadrato di Giardino FORUM Team
Potete raggiungerci su info@unquadratodigiardino.it
Si prega di usare l'email solo per comunicazioni all'amministrazione o alla redazione, e non per richieste di aiuto o tecniche d'interesse generale, nè per il giardino o piante. Grazie!  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Un quadrato di giardino
    • Vivaio Piante Insolite

      Località Due Case
      Podenzano, 29027, PC (IT)
      Lun - Sab: 8.30 - 12.30 / 15.00 - 18.00
      Dom: Periodo autunno-inverno solo su appuntamento.
      Aperto fuori orario su appuntamento.
      telefono +393284181208
      email info@unquadratodigiardino.it

      Seguici

    • Newsletter

      Resta sempre aggiornato sulle novità dal mondo di Un quadrato di giardino.it