Ti trovi qui:Home»Blog»In Esclusiva per Un quadrato di giardino»Eliminare l'ailanto (Ailanthus altissima o glandulosa) dal nostro giardino? E' possibile solo con determinati erbicidi

Eliminare l'ailanto (Ailanthus altissima o glandulosa) dal nostro giardino? E' possibile solo con determinati erbicidi

Vota questo articolo
(21 Voti)
Eliminare l'ailanto (Ailanthus altissima o glandulosa) dal nostro giardino? E' possibile solo con determinati erbicidi - 4.0 out of 5 based on 21 votes
'‬Ghetto Palm‭'? ‬ '‬Ghetto Palm‭'? ‬ Foto‭ © ‬thestreettree.com

Cos'è l'ailanto‭? ‬Molti di noi lo conoscono benissimo anche se magari non ne conoscono il nome scientifico:‭ ‬Ailanthus altissima o glandulosa.‭

‬Sono piante che ovunque nella mia città‭ (‬Piacenza‭) ‬vedo crescere nelle fessure dei marciapiedi,‭ ‬tra i binari del treno,‭ ‬in spazi dove nessuno ha cura di nulla.

 Sono piante che si sono adattate benissimo al nostro ambiente urbano,‭ ‬e non se ne può negare l'inevitabilità nel cambiamento ecologico.‭ ‬Io sono piuttosto ignorante in materia e lungi da me un approccio semplicistico,‭ ‬date le mie magre conoscenze.‭ ‬Per oggi vorrei solo essere parte della soluzione ove ce ne fosse necessità e non parte del problema.

L'ailanto,‭ ‬come la robinia comune‭ (‬Robinia pseudoacacia‭)‬,‭ ‬ha radici laterali da cui spuntano nuovi germogli‭; ‬anche un pezzo di un solo centimetro può emettere germogli e da lì nascere un nuovo impianto indipendente.‭ ‬E‭' ‬conosciuto per danni che provoca a tubazioni e fognature.‭ ‬Quindi a una mia amica che tenta inutilmente ogni anno di estirparli perché ne ha il giardino continuamente infestato‭ (‬l'ailanto aihmé cresce anche se meno di sovente in mezzo alle siepi di lauro o sui confini dei nostri giardini o...‭) ‬data la presenza nelle vicinanze di esemplari maturi e altissimi,‭ ‬sentenzio‭ «‬Ardua impresa‭»‬....
‭ ‬In più magari succede di confondere le nuove piantine con quelli che in realtà sono succhioni di una pianta madre,‭ ‬collegati ad una pre-esistente radice laterale‭ (‬le radici possono estendersi in lunghezza per‭ ‬15‭ ‬metri o più‭ ‬-‭ ‬DiTomaso e Healy‭ ‬2007‭)‬,‭ ‬e sarebbe impossibile rimuoverle in modo efficace.

Vi dirò di più:‭ gli studiosi‬,‭ ‬affermano che‭ '‬Il controllo manuale/‭ ‬meccanico dell'Ailanthus dovrebbe essere evitato al fine di prevenirne la proliferazione‭'‬.‭ ‬Il che è facilmente comprensibile date le precedenti premesse.‭

Il fuoco‭ (‬esistono bruciatori a gas da usare come erbicidi‭) ‬e la rimozione dei soli germogli per evitarne la fotosintesi‭ (‬simulando un erbivoro ruminante ;-)) ‬può indebolire le radici,‭ ‬tuttavia nessuno dei metodi si rivela essere una soluzione a lungo termine alla germinazione continua.‭
Questa pianta infine ha un alto grado di tolleranza all'ombra,‭ ‬aumentando così la propria competitività su altre specie di piante.

Gemme e germogli che spuntano dalle radici della Robinia pseudoacacia,‭ ‬immagine di William J.‭ ‬Beal

In più,‭ ‬una curiosità:‭ ‬l'ailanto produce sostanze allelopatiche che inibiscono la crescita di altre piante vicine‭ (‬come l'albero di noce‭)‬.

Quindi che fare contro i‭ '‬figli‭' ‬dell'albero che non solo è‭ '‬così altro da raggiungere il cielo‭' (‬vedi etimologia, spesso chiamato albero del paradiso‭)‬,‭ ‬ma così forte da ancorarsi per metri e metri alla terra,‭ ‬aggiungo io,‭ ‬se il nostro spazio verde ne è invaso‭? ‬Io sono contraria all'uso di prodotti chimici d’emblée...‭ ‬ebbene non ho trovato altra soluzione.‭ ‬La cosa migliore è darlo con un pennello e guanti,‭ ‬però,‭ ‬o con un tampone di spugna,‭ ‬evitando che vada alla deriva‭ (‬inevitabile con qualsiasi altro metodo,‭ ‬con cui sono poi d'obbligo occhiali,‭ ‬guanti,‭ ‬tuta e maschera a filtri‭)‬.
Studi americani (Patrick L. Burch e Shepard M. Zedaker) hanno rilevato quindi che vi sono risultati ottimi se si usano i seguenti principi chimici diserbanti sistemici:‭
Picloram e Triclopir‭ (‬esempi di prodotti in commercio in Italia:‭ ‬TORDON‭ ‬22K‭ ® ‬e GARLON‭ ®)‬.
Attenzione‭! ‬Da dare con estrema cautela,‭ ‬i prodotti ovviamente non sono selettivi, sono altamente fitotossici per colture arboree ed erbacee in genere,‭ ‬evitare i trattamenti in giornate ventose e porre attenzione ad eventuali colture limitrofe evitando che vengano colpite.‭
Questi diserbanti dati in successione e ripetutamente nell'arco della bella stagione‭ (‬da maggio a settembre‭)  ‬devono essere applicati alle foglie e agli steli verdi,‭ ‬tra cui germogli e polloni,‭ ‬fino a che questi siano completamente bagnati,‭ ‬ma non fino al punto di deflusso della miscela.‭ ‬Sei settimane dopo il trattamento si hanno i primi duraturi risultati.

Questo è l'unico metodo efficace di controllo e dev'essere il preferito perché uccide i piccoli alberi‭ '‬fuori‭' ‬e impedisce anche il rispuntarne,‭ ‬in quanto uccide le radici, sotto.‭ ‬In caso di grandi esemplari dovete chiamare un tecnico del verde perché faccia iniezioni di queste sostanze‭ (‬sono stati testati anche altri principi attivi diserbanti come l'Imazapyr o il Glyphosate -glifosate-,‭ tuttavia‬ non sono così efficaci‭) ‬direttamente nella corteccia alla base.‭

Letto 50365 volte
Amministratrice

Un quadrato di Giardino FORUM Team
Potete raggiungerci su info@unquadratodigiardino.it
Si prega di usare l'email solo per comunicazioni all'amministrazione o alla redazione, e non per richieste di aiuto o tecniche d'interesse generale, nè per il giardino o piante. Grazie!  

Commenti  

1 0 RUGGIERI FRANCESCO P
proprietà terapeutiche, scientifiche e/o empiriche storiche, ve ne sono ? essendo una pseudo-acacia ??
2015-07-11 14:44
2 0 Amministratrice
L'esotico Ailanthus altissima (Simaroubaceae) e l’invasiva Robinia pseudoacacia (Fabaceae o leguminose) sono spesso trovati in siti indisturbati e presentano caratteristiche di crescita e riproduttivi simili, ma ognuno ha ruoli funzionali distinti (oltre che famiglie come hai appena letto), la seconda ha la capacità di fissare l’azoto nel suolo, il primo ha capacità allopatiche. L’ailanto è nativo della Cina, la robinia del Nord America. Non ci vediamo nesso…

Per quanto riguarda la storia dell’Ailanto puoi leggere su wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Ailanthus_altissima

L'albero nei luoghi originari è una fonte di legname, principalmente, e le foglie servono come foraggio per Samia cynthia, da cui si produce un tipo di seta.

E’ scientificamente dimostrato che la corteccia e le foglie di Ailanthus altissima contengono quali principali costituenti chimici alcaloidi, triterpeni e flavonoidi . È stato completamente verificato che tali composti hanno molte attività biologiche, come antitumorali, e attività antibatteriche. Molte attenzioni sono state profuse per l'identificazione e la purificazione di composti attivi da Ailanthus altissima.
Ma per ora I maggiori dati ottenuti suggeriscono un possibile uso degli estratti delle radici, dei suoi principi attivi naturali, come erbicidi, non in medicina moderna (per questo l’ailanto riesce a espandersi e a colonizzare aree così facilmente).
Forse è ancora una volta più facile produrre medicinali di sintesi piuttosto che usufruire di ciò che già esiste in natura.

Fiori, foglie e corteccia sono usati da millenni nella medicina tradizionale cinese, ma tali usi sono ritenuti con fondamenta scientifiche insufficienti ;-)
2015-07-11 17:22
3 +1 Fedy
Questi diseebarti che consigliate sono tossici anche per l'uomo? (Oltre che per le piante?)
Che precauzioni devo prendere?
In oltre ho due gatti che sono i veri padroni del giardino, possono sentirsi male se si avvicinano agli alberi di alianto dopo che ho dato il diserbante?
Sono molto preoccupata, anche perchè non troppo distante ho l'orto (a 5-6 metri diciamo), conviene buttare tutto l'orto per quest'anno se do il diserbante?

Perdonate l'infinità di domande, spero che saprete rispondere almeno ad alcune
2016-06-14 15:35
4 0 Amministratrice
Buongiorno, i diserbanti citati sono pericolosi per l'uomo, per gli animali domestici e per l'ambiente, vanno dati con moderazione, con condizioni climatiche favorevoli (assenza di piogge nelle previsioni) e in modo locale come descritto nell'articolo, per evitarne il più possibile la dispersione e favorirne invece solo l'assorbimento nella pianta infestante. Se viene dato con le dovute cautele (tra cui guanti, maschera, occhiali...) e si rispetta il tempo di carenza non è necessario buttare l'orto (anche perchè è vicino, il diserbante non va dato in mezzo alle verdure, ma nell'incolto vicino e non al suolo ma con spugnature o pennello direttamente sull'ailanto). Per le schede di sicurezza può leggere qui (Tordon) http://www.usl3.toscana.it/allegati/Tordon%2022%20K%2027-11-08_101109031556.pdf e qui (Garlon) www.fitosanitari.salute.gov.it/fitosanitariwsWeb_new/EtichettaServlet?id=1432 .
2016-06-15 14:48
Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Un quadrato di giardino
    • Vivaio Piante Insolite

      Località Due Case
      Podenzano, 29027, PC (IT)
      Lun - Sab: 8.30 - 12.30 / 15.00 - 18.00
      Dom: Periodo autunno-inverno solo su appuntamento.
      Aperto fuori orario su appuntamento.
      telefono +393284181208
      email info@unquadratodigiardino.it

      Seguici

    • Newsletter

      Resta sempre aggiornato sulle novità dal mondo di Un quadrato di giardino.it