Ti trovi qui:Home»Cose da Sapere A-Z»A»A di... Acero giapponese: cultivar 'nane' più adatte alla coltivazione in vaso (e un paio di raccomandazioni)

A di... Acero giapponese: cultivar 'nane' più adatte alla coltivazione in vaso (e un paio di raccomandazioni)

Acer almatum dissectum 'Viridis' Acer almatum dissectum 'Viridis' Foto © Un quadrato di giardino

Vi è una certa confusione tra giardinieri e appassionati di giardinaggio quando usiamo il termine 'nano'.

Vorrei fare alcune piccole distinzioni sugli aceri giapponesi definiti appunto come tali.
Le migliori cultivar piccole da coltivare in vaso sono:
- Acer palmatum Dissectum o comunque definiti 'a foglia di pizzo' = 'lace-leaf' in inglese, i quali crescono molto lentamente: 12 cm in 10-15 anni. Molti hanno l'abitudine di crescere piangenti o a cascata.

Acero giapponese dissectum 'Garnet'

- Acer palmatum 'Linearilobum', o a foglia di bambù: possono essere definiti semi-nani, con foglie strette, a 'ragno', ma non lace-leaf. Crescono un po' di più velocemente 6-30 cm in 10-15 anni. Anche gli aceri variegati (con foglie multicolore) in genere rientrano in questa categoria di grandezza.

Acer palmatum 'Asahi zuru', variegato.

- Cultivar di acero giapponese adatte per realizzare bonsai: sono davvero nane. Queste cultivar selezionate per il loro portamento, tendono ad essere a dominanza basale, a differenza della maggior parte delle piante, l'apice è debole e meno dominante rispetto alla crescita basale / inferiore. Crescono 'a palla' o 'lateralmente', non in verticale.


 I dati sulle dimensioni di una cultivar sono spesso una questione controversa, in quanto non troveremo indicazioni univoche sulla loro estensione e crescita, ciò rende qualsiasi raggruppamento per dimensione, arbitrario, tuttavia quelli elencati qui di seguito come 'nani' sono generalmente di bassa statura (per lo più restano sui 120/180 cm), adatti per piccoli giardini:

Ao ba jo-Aka kawa hime-Akita yatsubusa-Azuma murasaki-Beni hoshi-Beni komachi-Beni tsukasa-Beni fushigi-Beni shi en-Bonfire-Beni maiko-Caperci Dwarf-Coonara Pygmy-Coral Pink-Corallinum Chishio Improved-Chitoseyama-Elm Wood-Englishtown-Elizabeth-Fjellheim Fireball-Garyu-Geisha-Green Star-Hagaromo-Hanami nishiki-Hippy fin mo-Ji jiao-Jiro shidare-Khan Shan-Kamagata-Kandi Kitchen-Kashima-Komachi hime-Kotohime-Kurabeyama Ki hachijo-Kinran-Kisetsu dore-Koto maru-Kurui jishi-Goshiki kotohime-Mama-Matsu kaze-Mimaye-Mizuho beni-Murasaki kiyohime-Mikawa yatsubusa-Mizu kuguri-Nishiki momiji-Otome zakura-Pixie-Purple Ghost-Oregon Sunset-Rugose Select-Ruslyn In The Pink-Ryu sen-Saotome-Shaina-Sharp's Pygmy-Shishio hime-Skeeter's Broom-Shidava Gold-Shigarami Scarlet Wonder-Sekka yatsubusa-Shigure bato-Shin deshojo-Shishio Improved-Shishi gashira-Tsuma gaki-Tama hime-Tatoo-Tiny Tim-Ueno yama-Ukon-Utsu semi-Wilson's Pink Dwarf-Winter Flame-Yuri hime-Wou nishiki-Yama kage-Yubae-Yama hime.

'Coonara pygmy' - Foto‭ ©‬ dennistromburg.com

Infine cito gli aceri giapponesi verticalizzanti: sono adatti per piccoli spazi, ma fanno i 40/ 80 cm nel medesimo lasso di tempo (10-15 anni) e alcuni possono arrivare a 12-13 m; anche se sono ovviamente più grandi rispetto alle altre cultivar, sono ancora adatti per la maggior parte dei giardini, così come per la coltivazione in vaso e la creazione di bonsai. La coltivazione in vaso in ogni caso li tiene almeno 2/3, e spesso 1/2 della dimensione che farebbero piantati nel terreno, e anche nel terreno possono essere potati e mantenuti a piccole dimensioni. Questo gruppo comprende ad esempio due delle più famose cultivar, 'Bloodgood', e 'Osakazuki'.

Le ultime raccomandazioni: tutte le cultivar a foglie rosse e a foglia variegata o particolarmente chiara, sono più suscettibili a danni sulle foglie particolarmente in primavera (prima dell'indurimento delle foglie) a causa di vento e gelo e soprattutto anche in seguito nella stagione a cause del sole battente. Tuttavia, inizieranno a perdere la loro pigmentazione particolare se tenuti in ombra. Scegliamo per loro una posizione con sole fino a mezzogiorno, non di più.
Infine lo scarso drenaggio è la prima causa di morte e fallimento nella coltivazione degli aceri giapponesi. Il terreno intorno alle radici non deve mai essere molto bagnato e fradicio. Pianta il tuo albero in terreno ben aerato e drenato e saranno facilissimi da coltivare!

Letto 24511 volte
Amministratrice

Un quadrato di Giardino FORUM Team
Potete raggiungerci su info@unquadratodigiardino.it
Si prega di usare l'email solo per comunicazioni all'amministrazione o alla redazione, e non per richieste di aiuto o tecniche d'interesse generale, nè per il giardino o piante. Grazie!  

Commenti  

1 0 Silvia Borroni
Ciao, ma l'acero nano può essere piantato in un giardino posato sopra un corsetto box, quanto ha bisogno in profondità? Le radici potrebbero compromettere la sicurezza della soletta? Grazie! :roll:
2015-04-09 22:03
2 +1 Amministratrice
Ciao, non hanno fittoni verticali o radici verticali, ma si estendono come una 'ragnatela' in modo capillare e superficiale, struttura che si sviluppa prevalentemente nei primi 60 cm di suolo. :-)
2015-04-10 15:54
Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Un quadrato di giardino
    • Vivaio Piante Insolite

      Località Due Case
      Podenzano, 29027, PC (IT)
      Lun - Sab: 8.30 - 12.30 / 15.00 - 18.00
      Dom: Periodo autunno-inverno solo su appuntamento.
      Aperto fuori orario su appuntamento.
      telefono +393284181208
      email info@unquadratodigiardino.it

      Seguici

    • Newsletter

      Resta sempre aggiornato sulle novità dal mondo di Un quadrato di giardino.it